logo
Visit Us

micamera.com --- the photobookstore



This post is also available in: Eng

Apr
25
Sab
2020
Aaron Schuman: Powers of observation @ Micamera
Apr 25@10:00–Apr 26@18:00

This post is also available in: Eng

foto di A. Schuman, da ITALOGAZE

 

 

 

 

POWERS OF OBSERVATION
WORKSHOP CON AARON SCHUMAN

Micamera, 25+26 aprile

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(…) tutto ciò si trova stampato, e se ne può prendere conoscenza ricorrendo ai libri. L’esenziale si è, che io prendo di bel nuovo interessamento alle cose di questo mondo; che io cerco di bel nuovo di esercitare il mio spirito di osservazione, per quanto i miei lumi e le mie cognizioni lo consentono; che la mia vista è pronta ad afferrare rapidamente quanto si offre allo sguardo; e che il mio animo può di bel nuovo esercitare le sue facoltà, le quali erano rimaste oppresse ed irrigidite. .

– Johann Wolfgang von Goethe, Viaggio in Italia, 1786-1788

In questo workshop:
L’artista, scrittore e curatore americano Aaron Schuman racconterà innanzitutto del proprio approccio alla fotografia e alla costruzione progettuale.
Ci mostrerà gli strumenti che usa per alimentare e ispirare la pratica artistica:
ampliare la ricerca includendo oggetti, storie e racconti di diverso genere (fotografici, personali e non), praticare l’osservazione attenta, interessarsi alle cose di questo mondo, esercitare l’intuizione, l’immaginazione, la spontaneità e la casualità.
Grazie a una serie di esercizi il gruppo potrà ripensare e approfondire il proprio approccio al processo creativo – considerando il lavoro di ciascuno in relazione alla ricerca, all’esperienza e al contesto.

Schuman accompagnerà poi il gruppo attraverso la mostra ITALOGAZE (che inaugura da Micamera il 24 aprile 2020), esplorando e spiegando quali idee, immagini, ispirazioni e intenzioni stiano dietro questo particolare corpo di lavoro. Seguirà una discussione di gruppo sulla mostra stessa e, più in generale, sulle suggestioni emerse durante il corso.
Il giorno successivo sarà in parte dedicato a una lettura portfolio collettiva: ciascun partecipante avrà l’opportunità di mostrare una selezione di immagini proprie e ricevere un feedback (idealmente dovrebbe trattarsi di un progetto in corso). Schuman, insieme ai partecipanti, darà alcuni consigli, aiutando a definire e rafforzare ciascun progetto, con l’intenzione di identificare e chiarire il processo creativo, la visione e lo scopo.

Il corso si svolgerà sabato e domenica 25 e 26 aprile dalle 10 alle 18
presso Micamera, in via Medardo Rosso, 19 a Milano.
numero massimo di iscritti: 13
costo: 270€ (+IVA)
per iscriverti o ricevere informazioni scrivi a Giulia Zorzi / giulia@micamera.com / 335 6817 917 / 02 4548 1569

 

AARON SCHUMAN è fotografo, scrittore e curatore. Nato e cresciuto negli Stati Uniti, oggi risiede nel Regno Unito. La sua opera fotografica è stata esposta e pubblicata a livello internazionale e appartiene a diverse collezioni sia pubbliche che private. La sua ultima monografia, SLANT (MACK, 2019), è stata nominata tra i libri più interessanti del 2019 da diverse testate, nonché da fotografi e critici: The Guardian, Internazionale, American Suburb X, Photoeye (Jason Fulford / Rebecca Norris Webb), Photobookstore Magazine (Vanessa Winship / Mark Power / Robin Titchener), UpPhotographers (Gus Powell), e Deadbeat Club Press (Raymond Meeks / Brad Feuerhelm).
Ha pubblicato anche FOLK (NB Books, 2016) – selezionato tra i migliori libri dell’anno da Alec Soth (Photoeye), Sean O’Hagan (The Guardian), e Jason Fulford (TIME), e nel 2017 è stato incluso nella selezione preliminare del premio Deutsche Börse Photography Prize.
Oltre a sviluppare progetti fotografici propri, Schuman ha scritto testi per molte pubblicazioni, tra cui: Aperture Conversations: 1985 to the Present (Aperture, 2018), Another Kind of Life: Photography on the Margins (Prestel, 2018), Alec Soth: Gathered Leaves (MACK, 2015), Vision Anew (University of California Press, 2015), The Photographer’s Playbook (Aperture, 2014)

Collabora regolarmente con varie riviste, tra cui Aperture, Foam, Frieze, Hotshoe, The British Journal of Photography e altre ancora.

Ha curato diverse importanti mostre, tra cui Indivisible: New American Documents – Gregory Halpern, Sam Contis, Bayete Ross Smith (FOMU, Anversa, 2016), In Appropriation (Houston Center for Photography, 2012), Other I: Alec Soth, WassinkLundgren, Viviane Sassen (Hotshoe Gallery, Londra, 2011) e Whatever Was Splendid: New American Photographs (FotoFest, 2010).

Nel 2014 Schuman ha curato il festival di fotografia di Cracovia e nel 2018 ha collaborato con JaipurPhoto Festival in veste di curatore.
Schuman è stato anche fondatore e curatore editoriale della rivista SeeSaw Magazine (2004-2014) ed è attualmente direttore del programma di fotografia del master presso la University of the West of England (UWE Bristol).
Per ulteriori informazioni, consultare il suo sito

 

 


Awesome Works