logo
Visit Us

micamera.com --- the photobookstore



This post is also available in: Eng

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
LOOKING ON 18:00
LOOKING ON @ MAR - Museo d'Arte della città di Ravenna
Mag 3@18:00–Giu 30@19:00
LOOKING ON @ MAR - Museo d'Arte della città di Ravenna | Ravenna | Emilia-Romagna | Italia
  04 Mag 2019 – 30 Giugno 2019 Looking on Sguardi e prospettive sulla nuova fotografia italiana Inaugurazione: 3 maggio ore 18.00 Ente Organizzatore: Mar – Museo d’Arte della città di Ravenna e Osservatorio Fotografico di Ravenna LOOKING ON significa stare a guardare. 
L’accezione comunemente negativa e passiva dello stare a guardare, la negligenza dell’astenersi da ogni azione diventa positivo e attivo esercizio di pazienza e osservazione, che richiede appunto uno stare, stare fermi a guardare, insistere, guardare ancora.
 Questa insistenza è indispensabile sia a chi fotografa che a chi guarda la fotografia. L’edizione 2019 di LOOKING ON, progetto ideato da Silvia Loddo e Cesare Fabbri per Osservatorio Fotografico nel 2014, studiata in collaborazione con la direzione e lo staff del Museo d’Arte della Città di Ravenna e dedicata alla fotografia emergente in Italia, è stata costruita attraverso un doppio invito. Il primo rivolto ad alcune figure professionali provenienti da diversi ambiti della fotografia: Chiara Bardelli Nonino, photoeditor di Vogue Italia e L’Uomo Vogue; Federica Chiocchetti, fondatrice della piattaforma Photocaptionist che si occupa di fotografia e letteratura; Silvia Loddo, ricercatrice indipendente e fondatrice di osservatorio fotografico; Elisa Medde, managing editor di Foam International Photography Magazine; Giulia Ticozzi, photo editor di La Repubblica; Giulia Zorzi, fondatrice della libreria/galleria Micamera di Milano, specializzata in fotografia. Ciascuna delle sei ‘onlookers’ a sua volta ha invitato a presentare il proprio lavoro in una mostra che inaugura il 3 maggio 2019 negli spazi del Mar, tre autori emergenti italiani che ci suggerisce di stare a guardare: Eleonora Agostini, Nicola Baldazzi, Marina Caneve, Valeria Cherchi, Giammario Corsi, Matteo Di Giovanni, Karim El Maktafi, Francesca Gardini, Giulia Iacolutti, Claudio Majorana, Sofia Masini, Luca Massaro, Michela Palermo, Piero Percoco, Federica Sasso, Francesca Todde, Angelo Vignali, Alba Zari. Pagina Instagram qui 04 Mag 2019 – 30 Giugno 2019 / inaugurazione 3 maggio alle ore 18:00 Looking on. Sguardi e prospettive sulla nuova fotografia italiana Mar – Museo d’Arte della città di Ravenna e Osservatorio Fotografico di Ravenna via di Roma 13, Ravenna Ingresso: mostre e collezioni del MAR: intero € 6, ridotto € 5 Orari: dal martedì al sabato: 9.00-18.00 // chiuso al lunedì domenica: 11.00-19.00 la biglietteria chiude un ora prima    
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
Playing for Keeps. Molly Matalon e Caroline Tompkins 19:00
Playing for Keeps. Molly Matalon e Caroline Tompkins @ Micamera
Mag 22@19:00–Giu 29@19:00
Playing for Keeps. Molly Matalon e Caroline Tompkins @ Micamera | Milano | Lombardia | Italia
  Playing For Keeps* – Molly Matalon e Caroline Tompkins Enlarge Your Memories (EYM) e Micamera sono orgogliose di presentare Playing for Keeps, mostra fotografica di Molly Matalon e Caroline Tompkins. Curata da Jamie Allan Shaw, la mostra presenta il punto di vista della donna contemporanea sull’americanità, prendendo le distanze dalla tipica rappresentazione romanticizzata. Veicolata da una lettura solitamente maschile e più vecchia, la fotografia che guarda al paesaggio americano ha la tendenza a cadere in una rappresentazione stereotipata: automobili, valori familiari, grandi spazi aperti. Oggi, nel 2019, le nostre idee su ‘Come vivono gli americani’ (da How America Lives, titolo di una rubrica lanciata nel 1940 dalla rivista Ladies’ Home Journal, ndt) sono evolute e hanno accolto modelli diversi – grazie a una efficace azione culturale, politica e artistica passata anche attraverso serie televisive come Mad Men, artiste come Deana Lawson e attiviste come Alexandria Ocasio-Cortez. Molly Matalon (USA, 1991) rivolge lo sguardo alla dimensione casalinga offrendo la propria interpretazione della vita domestica. Cosa succede dietro le porte chiuse? Un racconto in antitesi con il “Ladies’ Home journal“. Ritratti di ospiti, nature morte cariche di significato, sguardi dalla finestra, ecco l’americanità secondo Matalon. Seducente e rivendicativa, intrisa di una palpabile tensione erotica. Attraverso una serie di immagini che omaggiano Eggleston, Arbus e Outerbridge Jr, Matalon intende sovvertire la tradizionale posizione femminile, assumendo il diritto a esercitare la propria libertà, mettendo in atto dinamiche di potere che solitamente sono riservate agli uomini, sia in genere che nel contesto prettamente fotografico.     Caroline Tompkins (USA, 1992) veicola l’ebbrezza degli spazi aperti. A testa alta, libera e veloce, audace e perfino sfacciata, sale fino al punto più alto, si avvicina pericolosamente al fuoco, si inginocchia nel paesaggio. Influenzata dal lavoro di Stacy Kranitz e Maude Schuyler Clay, Tompkins ci permette di denunciare gli stereotipi di genere e ci mostra come le ragazze possono essere sé stesse. Il suo lavoro rivendica la rappresentazione del paesaggio americano, identificato oggi da una lettura pseudo-maschile; dimostra alle generazioni precedenti che in questo non c’è alcun motivo di disapprovazione e che non esistono buoni motivi per cui una donna dovrebbe restare chiusa in casa. Insieme propongono una lettura nuova dell’americanità, lontana dalla visione romanticizzata che conosciamo. Caratterizzata da un certo umorismo, questa rappresentazione porta con sé nuove istanze: le dinamiche di potere, il diritto all’affermazione di sé, la sessualità. Temi che compongono infine una visione più accurata del paesaggio americano contemporaneo. * citazione di un celebre brano cantato nel 1956 da Elvis Presley, significa ‘fare sul serio’     inaugurazione mercoledì 22 maggio alle ore 19 mostra: 23 maggio – 29 giugno Micamera – libreria e galleria fotografica Via Medardo Rosso, 19 – Milano @micamera_milan www.enlargeyourmemories.com @enlargeyourmemories Molly Matalon Molly Matalon è nata e cresciuta nel sud della Florida. Si è laureata in fotografia presso la School of Visual Arts di New York City. Il suo lavoro parla di desiderio, idealizzazione e dinamiche di potere e offre uno sguardo non convenzionale, che nasce dalla rivendicazione del diritto a esprimere una voce autonoma e rappresenta un poco usuale punto di vista femminile. Questo linguaggio sincero e personale è presente anche nel suo lavoro editoriale, uscito su The New York Times, M Le Monde, Interview Magazine e Wallpaper*. Ha pubblicato due monografie con Vuu Studio, mentre una terza è in uscita per Palm* Studios. Ha esposto con Vogue Italia e Webber Gallery, negli Stati Uniti e altrove.           Attualmente vive e lavora a New York. www.mollymatalon.com @mollymatalon   Caroline Tompkins Originaria dell’Ohio, Caroline Tompkins si è laureata in fotografia presso la School of Visual Arts di New York City. Ha esposto in contesti nazionali e internazionali e i suoi lavori sono stati pubblicati, tra gli altri, dalla BBC, da Vogue e da The New York Times. Negli ultimi 5 anni ha lavorato come photoeditor per Bloomberg Businessweek, nonché come fotografa freelance. Le immagini di Caroline esplorano i temi della femminile, della realtà locale e della sincerità in questi ambiti.                                     Attualmente vive a Brooklyn, NY. www.carolinetompkins.com @cahlinetompkins   Enlarge Your Memories (letteralmente: Espandi I Tuoi Ricordi) Enlarge Your Memories (EYM) è una piattaforma per l’editoria fotografica e di moda creata da Jamie Allan Shaw, direttore artistico ed editore. Il progetto offre agli artisti che frequentano il mondo della moda e della fotografia l’opportunità di esplorare a fondo i progetti che si concentrano sull’esperienza artistica, allontanandosi dal marketing. EYM pubblica una rivista semestrale di grande formato, cura mostre e collabora ad altri progetti site specific come cortometraggi e workshop. Jamie ha pubblicato opere di Philip Ellis e Yann Faucher, Matty Bovan e Ryan Skelton e ha presentato una mostra presso la Webber Gallery nel 2018. È professore associato del Master in Fotografia Documentaria presso l’Università di Westminster, Londra, e lavora come art director tra Londra e Milano.   Micamera Micamera è una libreria e galleria fotografica con sede a Milano fondata e diretta da Giulia Zorzi e Flavio Franzoni dal 2003. Con una particolare attenzione verso la fotografia italiana e americana, Micamera si dedica alla diffusione, alla comprensione e alla fruizione della cultura dell’immagine. Giulia Zorzi cura le attività della galleria. Ha invitato ed esposto artisti come Mark Steinmetz, Ed e Deanna Templeton, Todd Hido, Michael Wolf, Dana Lixenberg, Jason Fulford, Tamara Shopsin e Jessica Backhaus.   Questa mostra è nel programma di  
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Awesome Works