logo
Visit Us

micamera.com --- the photobookstore



This post is also available in: Eng

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
Elton Gllava, Bulqizë 19:00
Elton Gllava, Bulqizë @ Micamera
Gen 29@19:00–21:00
Elton Gllava, Bulqizë @ Micamera
  ELTON GLLAVA : BULQIZË (Postcart, 2019) presentazione e firmacopie con l’autore e Renata Ferri La prima volta che Elton Gllava mette piede a Bulqizë è il 2013. Da allora, continua a tornarci per l’arco di cinque anni. Quando ricorda le sue prime esplorazioni del luogo, Elton parla di fatica, freddo e incomunicabilità. Dopodichè, gli occhi si illuminano, inizia a riportare aneddoti che parlano di resilienza, di piccoli successi, di affetti e famiglia. Bulqizë è una piccola cittadina non lontana da Tirana, in Albania, conosciuta come la città dei minatori. Dopo la scoperta della presenza del cromo, nel 1939, e l’apertura delle prime miniere nel 1948, la città è diventata la terza produttrice mondiale di questo minerale. Da allora, ogni mattina, momento della giornata forse più rappresentativo della vita in Bulqizë, con i primi bagliori dell’alba gli uomini, quasi tutti minatori, aprono le porte di casa e si affacciano sull’unica strada della cittadina, rassegnati a sfidare il freddo e la neve per compiere i loro gesti quotidiani, fatti di ripetizione, di oscurità, di polvere e di ossessione. Bevono un caffè, tutti sempre nello stesso bar. Poi, accompagnati dagli abituali movimenti meccanici, sprofondano nelle miniere. Elton compie la scelta coraggiosa di usare la pellicola per il suo lavoro, nonostante la difficoltà delle condizioni di luce all’interno delle miniere. Anche grazie a questa scelta riesce a riportare perfettamente la sensazione di non riuscire a vedere, di soffocamento, di angustia. Le entrate di luce, fallimenti della macchina fotografica irrimediabilmente impressi sulla pellicola, che però risultano provvidenziali per la narrazione, scandiscono il ritmo del racconto di Elton. La maggior parte dei fotografi avrebbe scartato quelle fotografie, giudicandole “sbagliate”, ma è proprio grazie a questo genere di “errori” che  il ritratto del ragazzino dal collo tatuato diventa icona sacra, con il suo alone di luce che ci catapulta in un altro contesto, lontano dal nero, dal cromo, dalle miniere. Il lavoro di Elton parla di una comunità che, malauguratamente o per fortuna, nasce inconsapevolmente su una montagna che è una miniera d’oro per le potenze capitaliste, e che probabilmente verrà sfruttata fino al midollo. Come disse il vecchio sul ciglio della strada “Se non fosse stato per il cromo, qui i corvi avrebbero cantato”. E sono proprio i corvi a dettare il ritmo della narrazione, dello scorrere delle pagine. Nonostante la loro simbologia storicamente correlata alla morte, i corvi ci accompagnano nella scoperta di Bulquizë, mostrandoci, magari senza voce ma profondamente liberi nell’alzarsi in volo, quante forme di resilienza esistono anche nei più controversi angoli di mondo.     IL LIBRO Elton Gllava: Bulqizë Postcart, 2019 120 pagine, 27.8 x 20,8 cm, copertina rigida edizione limitata di 500 copie costo: 35€ prenota la tua copia firmata qui       Elton Gllava sarà da Micamera mercoledì 29 gennaio alle 19 per parlare del proprio lavoro insieme a Renata Ferri.   Elton Gllava Elton Gllava è nato a Vlorë, Albania, nel 1974. Quando il regime comunista è crollato e le frontiere si sono aperte, nel 1992, ha colto l’occasione di sperimentare un altro mondo e come migliaia di albanesi ha scelto di viaggiare verso Italia. I suoi primi anni a Roma lo hanno esposto ad alcuni dei lati più oscuri della società romana attraverso diversi impieghi. Tuttavia, nel 2007, ha deciso di dedicarsi unicamente alla fotografia. Il suo stile fotografico è focalizzato sul reportage sociale e d’autore, con una forte attenzione per gli aspetti di intimità.        
30
31

Awesome Works