logo

Jessica Backhaus. Once, Still and Forever

This post is also available in: Eng

Jessica Backhaus_ Beyond seeing, 2012

Jessica Backhaus_ Beyond seeing, 2012

Le mie immagini sono come un mosaico, un puzzle che evoca la bellezza della quotidianità troppo spesso ignorata, le tracce di amori passati e di ricordi dimenticati’ – J. Backhaus

Jessica Backhaus è tornata da Micamera con una nuova mostra, questa volta dedicata a un unico progetto: Once, Still and Forever, che è anche il titolo del sesto libro uscito per l’editore tedesco Kehrer.
Dalla sua ultima mostra a Milano nel 2012, la Backhaus ha raccolto una serie di successi, tra cui la partecipazione con una personale a Paris Photo LA, l’esposizione presso il Museo Marta Herford, e la prima mostra retrospettiva presso un’istituzione museale (Erfurt).

Forma, luce e colore descrivono in maniera incisiva e del tutto naturale il racconto visivo di Jessica Backhaus. Tornata alla sua città natale Berlino dopo 22 anni vissuti intensamente tra Parigi (dove è diventata amica intima di Gisèle Freund, cui ha dedicato anche un libro) e New York, racconta in questo progetto un momento molto importante della propria vita. Emozioni e sentimenti profondi vengono espressi attraverso gli still life; forme, colori e ombre rivelano il mondo interiore dell’artista. In questa serie in particolare, la Backhaus esprime la fragilità della nostra esistenza e delle nostre emozioni.

Jessica Backhaus è una delle  voci più raffinate nel panorama della fotografia tedesca contemporanea. Il suo lavoro è pubblicato, esposto e collezionato in tutto il mondo.

Jessica Backhaus è stata presente all’inaugurazione venerdì 14 febbraio alle ore 19
La mostra ha potuto essere visitata fino a sabato 22  marzo.

Workshop con l’autrice sabato 15 / domenica 16 febbraio oppure sabato 22 / domenica 23 marzo: Fotografia quotidiana (e l’arte di saper guardare)

Jessica Backhaus è nata nel 1970 a Cuxhaven, in Germania, in una famiglia di artisti. A sedici anni si è trasferita a Parigi dove ha studiato fotografia e comunicazione visiva. Proprio a Parigi nel 1992 incontra Gisèle Freund, sua affezionata maestra. Nel 1995, la passione per la fotografia la porta a New York, dove lavora come assistente di diversi fotografi, sviluppa i propri progetti personali e vive fino al 2009. Jessica Backhaus è considerata una delle voci più originali nel panorama della fotografia contemporanea tedesca. Il suo lavoro è stato esposto in varie mostre personali e collettive, dalla National Portrait Gallery a Londra al Martin-Gropius-Bau a Berlino, al museo Kunsthalle di Erfurt. Ha pubblicato sei libri con l’editore Kehrer Verlag: Jesus and the Cherries (2005), What Still Remains (2008), One Day in November (2008, dedicato a Gisèle Freund), I Wanted to See the World (2010), ONE DAY – Ten Photographers (2010), Once, Still and Forever (2012). Le sue fotografie appartengono a diverse collezioni tra cui l’Art Collection della Deutsche Börse (Germania), la ING Art Collection (Belgio), la collezione del Museum of Fine Arts di Houston (USA) e la Margulies Collection di Miami (USA).

Con una base a Berlino, Jessica divide il suo tempo tra l’Europa e gli Stati Uniti. In Italia, Jessica Backhaus è rappresentata da Micamera.

Jessica Backhaus reviewing / at the workshop

Jessica Backhaus reviewing / at the workshop

Uscito nell’aprile 2014: Women Photographers. From Julia Margaret Cameron to Cindy Sherman di Boris Friedewald
Le 55 artiste fotografe più importanti della storia della fotografia. Tra queste, Jessica Backhaus. Ordina la tua copia qui

Rassegna Stampa

____________

Micamera – lens based arts
via Medardo Rosso 19 – 20159 Milano
www.micamera.it / associazione@micamera.it (mostre, corsi, eventi)
www.micamera.com / info@micamera.com (libreria fotografica)
tel. 02 45481569

aperti dal mercoledì al sabato 10-13 e 16-19 oppure su appuntamento